Maternità e lavoro notturno

Con la risposta all’interpello del 4 febbraio 2009, n. 1 il Ministero del Lavoro rivede il proprio precedente orientamento e ritiene ora che i divieti e i limiti al lavoro notturno previsti dall’art. 53 del TU sulla maternità non si applichino al personale di volo nell’aviazione civile.
La soluzione prospettata ha un rilevante impatto pratico nel settore del trasporto aereo, dove le ipotesi effettive di esonero dal lavoro notturno “per maternità” sono destinate a ridursi notevolmente.
La nuova posizione assunta dal Ministero, però, è d’interesse anche al di là dell’area cui è destinata ad incidere direttamente (comparto volo), perché tiene conto dei rilievi che la Commissione europea ha mosso alla nostra normativa in materia di maternità e limitazioni dell’orario di lavoro, rilievi che riguardano la disciplina in sé e non l’ambito soggettivo di applicazione della stessa.
In altre parole: il divieto previsto garantisce effettivamente le esigenze connesse all’evento maternità oppure finisce con creare una discriminazione proprio a danno delle donne?

Continua a leggere su dottor Lex.


You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed.
You can leave a response, or create a trackback from your own site.

There are no comments yet, be the first to say something


Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>