Interruzione della gravidanza e proroga del contratto a progetto

L’interruzione della gravidanza avvenuta nei primi 180 giorni della gestazione viene giuridicamente qualificata come “malattia”, con conseguente applicazione della relativa tutela. Viceversa, l’interruzione della gravidanza verificatasi dopo il centottantesimo giorno dall’inizio della gestazione è considerata “parto” e quindi la donna può usufruire delle tutele previste per la maternità.
Il principio indicato viene ribadito dal Ministero del Lavoro anche con specifico riferimento alle lavoratrici a progetto. Coerentemente infatti, a quanto già chiarito nella risposta ad interpello del 19 agosto 2008, n. 32, il Ministero del Lavoro precisa ora che l’interruzione della gravidanza entro il centottantesimo giorno da parte di una lavoratrice a progetto (che era anche stata autorizzata all’interdizione anticipata dal lavoro) non dà diritto alla proroga del rapporto di collaborazione…

Continua a leggere su dottor Lex.


You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed.
You can leave a response, or create a trackback from your own site.

There are no comments yet, be the first to say something


Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>